Condividi Miriam12Stelle:


Citazione spirituale

www.libreriadelsanto.it

 www.libreriadelsanto.it

Firma
anche tu
il libro
degli ospiti
...
Inserisci
Miriam
12
Stelle
tra i tuoi siti preferti...
Grazie!
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Libro in evidenza
La guarigione del cuore

La guarigione del cuore

Chiara Amirante

IO STO CON LA CHIESA

Dio sia benedetto

Amore del Cuore di Gesù, infiamma il mio cuore.

Carità del Cuore di Gesù, diffonditi nel mio cuore.

Forza del Cuore di Gesù, sostieni il mio cuore.

Misericordia del Cuore di Gesù, rendi dolce il mio cuore.

Pazienza del Cuore di Gesù, non ti stancare del mio cuore.

Regno del Cuore di Gesù, stabilisciti nel mio cuore.

Sapienza del Cuore di Gesù, ammaestra il mio cuore.

Maria, passa davanti alla mia vita!
Maria, passa davanti alla mia salute!
Maria, passa davanti al mio lavoro!
Maria, passa davanti alle mie finanze!
Maria, passa davanti a casa mia!
Maria, passa davanti alla mia famiglia!
Maria, passa davanti ai miei affetti e relazioni!
Maria, passa davanti alla mia fede!
Maria, passa davanti ai miei impossibili!
Amen!!

LE RELIQUIE DI GESU'

La colonna della flagellazione

“Pilato allora, volendo dare soddisfazione al popolo rimise loro in libertà Barabba e consegnò Gesù, dopo averlo fatto flagellare, affinché fosse crocifisso”. (Mc 15,15)

Nel pretorio di Pilato Gesù ricevette 39 frustate, più precisamente 40 meno una, per evitare errori, perché 40 era il massimo consentito dalla legge mosaica e che i romani probabilmente rispettarono. La flagellazione, riservata alle classi più umili e agli schiavi, normalmente precedeva la crocifissione.

Oltre che nel Vangelo di Marco, anche in quelli degli altri tre evangelisti esiste l’episodio della flagellazione di Cristo (Mt 27,26; Lc 23,16; Gv 19,21) ma non esiste nessun riferimento alla colonna: forse era ovvio? E tanto meno non ci consente di sapere quali potessero essere le caratteristiche della colonna.

Una pratica abbastanza comune a Roma, a sostegno dell’ipotesi della colonna conservata a Roma, era che la persona fosse legata ad una piccola colonna o a un piccolo palo di legno, per obbligare il condannato a stare piegato, con il dorso curvo. In questo modo il flagello colpiva sia il petto che la schiena. Altri studiosi sostengono1, invece, che la colonna doveva essere più alta della persona che veniva flagellata in modo che questa poteva essere fissata alla colonna con le braccia in alto e stese, e le mani legate. La colonna avrebbe avuto un braccio sporgente all’estremità del quale ci sarebbe stato un anello. In ogni caso, questo era un castigo molto duro perché il flagello non era un semplice frusta, ma era formato da tre cinghie di cuoio alle cui estremità vi erano nodi, sfere metalliche, pietre o addirittura uncini (flagellum taxellatum) che laceravano la pelle, a volte fino a farla cadere a brandelli.

Colonne che vengono associate alla flagellazione di Cristo e considerate autentiche ce ne sono per lo meno tre: una a Roma, un’altra a Gerusalemme e la terza a Istanbul.

Colonna della flagellazione. Basilica di Santa Prassede, Roma

Nella chiesa di Santa Prassede (forse la più antica di Roma, con splendidi mosaici di tipo bizantino), adiacente al sacello di San Zenone, viene conservata una colonna di quarzo-diorite, bianca e nera. E’ a forma di colonnetta ornamentale, rastremata, con collarino e capitello. E’ alta 63 cm ed il suo diametro è di 40 cm alla base e di 13 nel punto più stretto. Ne mancano alcune parti, che furono asportate poco a poco per farne dei doni, soprattutto una parte più consistente fu donata da Sisto V nel 1585 ai fedeli di Padova. Secondo la teoria della ‘colonna piccola’ questa tipologia aveva un anello nella parte superiore al quale veniva legata la corda. In questa colonna è visibile il punto in cui era fissato. Fu donato al re Luigi IX di Francia a cambio di tre spine della corona che aveva appena comprato.

Sono presenti altri piccoli frammenti di questa colonna in varie chiese di Roma e altri luoghi.

Una targa recita chiaramente che fu portata da Gerusalemme, nel 1223, dal Cardinale Giovanni Colonna (strana coincidenza del cognome), in quel momento legato apostolico in Oriente durante la V Crociata (1217-1221), che aveva anche ordini dal papa Onorio III (1216-1227) di portare a Roma tutte le reliquie possibili per salvarle dagli infedeli. Al ritorno a Roma la fece custodire nella basilica di Santa Prassede, della quale era titolare.

La colonna venne vista dalla pellegrina Egeria nel 383 e da Antonino da Piacenza, nel 570, nella chiesa dei Santi Apostoli sul Monte Sion di Gerusalemme, dove probabilmente fu portata dai cristiani dopo la distruzione della città dell’anno 70. La chiesa venne distrutta dai musulmani nel 1009 e successivamente ricostruita nel XII secolo con il nome di Santa Maria in Monte Sion. Difficile se non impossibile sapere dove andarono a finire le reliquie contenute nella primitiva chiesa e dove esattamente stava la colonna che portò a Roma il cardinale e chi gliela diede. Il tipo di marmo usato per questa colonna proviene dall’Egitto, vicino a Bir Kattar, unico luogo dove è possibile reperire questo minerale.

 

Questa colonna è servita come modello a Bernini per la realizzazione, da parte di uno dei suoi discepoli, di uno degli angeli del Ponte Sant’Angelo che sorreggono ciascuno uno strumento della passione di Cristo2. E’ anche rappresentata in due opere presenti a Santa Prassede, ovviamente, e in molte altre.

LE RELIQUIE DI GESU'

*********************************************************

La corona di spine di Gesù Cristo

e i suoi grandi miracoli

 

La reliquia più famosa di questa corona è ospitata nella cattedrale di Notre Dame a Parigi.

È un cerchio di rami uniti con fili d’oro.

Le spine sono attaccate a questo cerchio intrecciato, che misura 21 centimetri di diametro.

Le spine furono rimosse nel corso dei secoli dagli imperatori bizantini e dai re di Francia.

Ce ne sono settanta, tutti dello stesso tipo, che sono stati confermati come spine originali

Il primo venerdì di ogni mese, la corona di spine viene portata alla venerazione dei fedeli.

E anche ogni venerdì di quaresima, oltre al Venerdì Santo.

Mentre è impossibile sapere se è la corona reale di spine, è stato venerata come tale per molte centinaia di anni.

Le spine della corona sono state distribuite in tutto il mondo.

E sono stati protagonisti di molti miracoli, alcuni dei quali ci riferiamo.

Nel 1831 il festival della Corona di Spine fu effettuato in alcune diocesi a Roma, fissandolo per il venerdì dopo il Mercoledì delle Ceneri.

La Cattedrale di Notre Dame continua a celebrare in quella data , ma cadde in disuso nella Chiesa.

Ha la sua Messa e il suo ufficio divino , che sono stati collocati nelle appendici del Breviario e del Messale.

IL SIGNIFICATO DELLA CORONA DEL THORN

La simbologia delle spine che sono state poste sulla testa di Gesù Cristo dopo la flagellazione è multipla.

In primo luogo, le spine intrecciate come una corona significano una derisione umana e terrena della condizione di Re dei re di Gesù Cristo.

È come accettare il suo regno, ma dargli una corona ridicola , grottesca e beffarda.

Ciò che coincide con l’immagine del servo sofferente di Isaia 53.

La seconda simbologia è legata alla volontà di Gesù di sopportare disprezzo, dolore e vergogna.

Perché la corona di spine non ha solo il significato di un epilogo per chi l’ha portata, ma ha anche prodotto un forte dolore quando ferisce i nervi della testa.

Il terzo simbolismo si riferisce alla creazione descritta in Genesi e al peccato di Adamo ed Eva.

Prima del peccato originale, la Terra aveva collaborato con l’uomo permettendo a se stesso di essere coltivato facilmente.

L’uomo vide le piante crescere senza problemi nel Giardino dell’Eden.

Il lavoro sulla terra è stato fatto con gioia e senza battute d’arresto, al punto che non ha richiesto molto sforzo.

Ma dopo il peccato originale, la natura cominciò a produrre spine ed erbacce mescolate con i frutti.

Ciò che ha richiesto il lavoro, il sudore e le lacrime dell’uomo per produrre cibo (Genesi 2).

Perciò le spine portate a una corona simboleggiano la maledizione del peccato sulla testa di Gesù .

E c’è un quarto simbolismo scoperto di recente, che si riferisce all’utilità della pianta con cui è stata fatta la corona di spine, per avanzare sulla desertificazione del deserto in Israele.

Ci sono diverse piante che sono menzionate come candidate per essere state usate per la corona di spine, ma la più citata è la Siziphus Spina Christi .

Il Centro di ricerca agricola Volcani di Israele ritiene che questa pianta sia il pioniere nella lotta contro la desertificazione.

Poiché resiste all’aumento della temperatura e dell’aridità, può estrarre l’acqua di profondità sotterranee e conserva la capacità di realizzare la fotosintesi nonostante le temperature e le radiazioni .

E fornisce anche sostentamento per api e insetti in aree minacciate da calore mortale .

Il più antico Ziziphus si trova ad Ayn Husb, in Palestina, e ha circa 2000 anni.

VISIONE DELLA CORONAZIONE DI THORNS

La Beata Anna Caterina Emmerich, Germania e mistica suora XIX secolo le cui visioni ispirate Passione di Mel Gibson, La Passione , descrive la corona di spine come segue:

L’incoronazione delle spine avvenne nel cortile interno del corpo di guardia.

C’erano cinquanta persone miserabili, servi, carcerieri, scagnozzi e schiavi, e altri dello stesso genere.

La folla rimase intorno all’edificio. Ma presto furono allontanati da lì dai mille soldati romani.

Presero di nuovo i vestiti di Gesù e misero un vecchio cappotto rosso di un soldato, che non arrivò alle sue ginocchia.

Il mantello era in un angolo della stanza e con esso i criminali erano coperti dopo la fustigazione.

Il Signore era seduto al centro della piazza, sul tronco di una colonna ricoperta di pezzi di vetro e pietre.

Il tormento di quella incoronazione non può essere descritto. 

Intorno alla testa di Gesù fu posta una corona fatta con tre ramoscelli di spine ben intrecciati. 

La maggior parte delle punte si intrecciava intenzionalmente verso l’interno.

Quando la corona fu in seguito legata alla testa santa, i carnefici la strinsero brutalmente,così che le spine dello spessore di un dito furono sepolte nella fronte e nella nuca.

Poi hanno messo un bastone in mano.

Hanno fatto tutto questo con una gravità risibile, si sono messi in ginocchio davanti a Lui e hanno inscenato l’incoronazione come se volessero davvero incoronare un re.

Non contenti, tolsero dalla sua mano quella canna, che doveva apparire come uno scettro di comando e lo colpirono così violentemente nella corona di spine che gli occhi del Salvatore si inondarono di sangue.

I suoi carnefici, inginocchiati davanti a lui, lo prendevano in giro, gli sputavano in faccia e lo schiaffeggiavano gridando: “Ave, Re dei Giudei!”

Il suo corpo era tutto un dolore, così tanto che camminava curvo e storto.

Non potevo ripetere tutti gli oltraggi che questi uomini immaginavano.

Gesù fu così maltrattato per mezz’ora in mezzo alle risate, alle grida e agli applausi dei soldati formati attorno al Pretorio.

Il Salvatore soffrì un’orribile sete, la sua lingua fu ritirata, il sangue sacro, che scorreva dalla sua testa, rinfrescò la sua bocca calda e semiaperta.

Il povero Gesù venne sulle scale davanti a Pilato, elevando anche in questo uomo crudele un senso di compassione.

Il popolo e i perfidi sacerdoti lo hanno costantemente deriso …

Ora andiamo alla storia della reliquia.

STORIA DELLA CORONA DI THORNS

Quando Nostro Signore muore, viene sepolto in una nuova tomba. 

Ma con tutti quelli che erano stati gli strumenti della Passione, croce, corona di spine, lancia, ecc., In un pozzo che era stato preparato. . E poi riempire di sporco, perché tutto ciò che aveva preso contatto con una persona morta. . È l’attuale cappella di Santa Elena nella Basilica del Santo Sepolcro.

Quando questa donna, Sant’Elena, che aveva allora 72 anni, Imperatrice Madre di Costantino, decide di fare un pellegrinaggio in Terra Santa , parlerà con gli anziani.

E chiede loro dove, secondo la tradizione orale trasmessa da generazioni, sono gli strumenti della Passione.

E sottolineano il luogo con precisione, perché lo sapevano perfettamente.

E potrebbero essere certi che un paio di anni dopo Cristo, l’imperatore Adriano Aelio (che ha reso il Castel Sant’Angelo a Roma) era stato messo sul sito del Calvario una statua in onore di Venere e sul Sepolcro (l’Anastasis) avevano fatto posto una statua di Giove per contrastare il culto cristiano.

Questo è ciò che ci ha permesso di identificare con precisione il luogo della Passione, del Santo Sepolcro e del luogo in cui furono sepolti gli strumenti della Passione.

Allora Santa Elena trova ciò che già sappiamo: la croce, la corona di spine, i chiodi, ecc. . Immediatamente questi strumenti iniziarono ad essere oggetto di devozione. . Gli antichi raccontano come le persone avrebbero compiuto un pellegrinaggio e fatto un santo viaggio per pregare davanti alle diverse reliquie della Passione. . .

Prima furono trasferiti a Costantinopoli e poi in Europa.

E ci sono testimonianze interessanti.

Ad esempio, il vescovo Paulino da Nola (354-431) ha contato nel suo diario di viaggio (409):

“Alle spine con cui fu incoronato il nostro Redentore , fu pagato un omaggio, accanto alla Santa Croce e alla colonna della flagellazione “.

Scrive anche in una lettera al magistrato Macario:

“Sì, veneriamo giustamente le reliquie del Salvatore, la colonna a cui era legato, le spine con cui fu incoronato …”.

Anche San Vicente de Lerins, morto nel 445 , ha detto che la corona di spine era parte della “regalia sacro”.

Cioè, delle più grandi reliquie di passione, venerate da pellegrini, santi, penitenti e fedeli venuti dall’Europa verso la Terra Santa.

E questo santo riferisce che in effetti la corona di spine aveva la forma di un pileo, cioè di un elmo militare romano, “che toccava e copriva la sua testa da tutti i lati”.

Casiodoro dice anche di aver visto lì, a Gerusalemme, la corona di spine.

Gregorio de Tours lo venerò nel 593 e nella sua Storia dei Franchi afferma di essere rimasto colpito dal colore verde brillante e dalla freschezza della reliquia.

E scrive altrove che la corona miracolosamente rafforzata con il passare del tempo.

Dopo il tempo, San Luis Rey de Francia acquistò la Santa Corona dall’imperatore di Costantinopoli.

Che è preso trionfalmente dai veneziani a Venezia.

E da lì alla città di Villeneuve , dove era atteso dal re, da sua madre, Bianca di Castiglia, e tutto l’entourage reale da prendere a Parigi. Era il 10 agosto 1239.

Gli inventari sono stati fatti in Italia e più di 160 spine appaiono in posti diversi. 

Certamente il numero di spine con cui incoronarono Nostro Signore fu molto grande. 

Ma nell’inventario compaiono spine che sono state tagliate in due e tre parti. 

E altri che sono considerati reliquie per essere stati messi in contatto con gli originali.

I MIRACOLI

In molti luoghi, i miracoli sono attribuiti alle sacre spine di Nostro Signore.

Come liberarsi da parassiti e parassiti, difendersi dalle tempeste o dai nemici, ecc.

Ma ci sono altri fenomeni miracolosi delle sante spine della corona di Cristo che possono essere raggruppati in tre categorie: 1. La riviviscenza; 2. La florescenza; e, 3. L’inverdimento.

1. reviviscenza: 
È quando la spina dorsale ha una goccia di sangue, e quel sangue che è secco rivive in certe circostanze e diventa rosso. 
Di questo tipo, 24 casi sono conteggiati e autenticati in Italia.

2. Fioritura: 
è quando fioriscono.

3. Inverdimento: 
è quando diventano flessibili e freschi, come se provenissero da una pianta vivente.

In totale, della corona di spine di Nostro Signore, solo in Italia, ci sono 41 in cui si verificano questi fenomeni.

Quando si verificano? 

Il più comune è che accade il venerdì santo che coincide con il 25 marzo. 

Per una relazione molto stretta tra il mistero dell’Annunciazione e quello della Passione di Nostro Signore.

Anche gli altri venerdì santo avvengono, a volte per un po ‘di tempo o talvolta anche per mesi.

Questa è una testimonianza di uno di questi casi, a Bergamo.

Il dott. Paolo Bianchi ha visto la reliquia e la descrive come

” Un punto rosso sangue, vivo e umido, che tendeva ad espandersi visibilmente verso l’alto, visibile ad un occhio pulito ea un metro di distanza.

Alcuni aloni bianchi e luminosi sono stati anche visti crescere e svilupparsi intorno alla colonna vertebrale .

Con grande gioia e stupore il vice-pastore della chiesa avverte i fedeli che erano lì a pregare, era la sera di Pasqua, che c’era un fenomeno miracoloso nella sacra reliquia.

Un letto di colore di sangue vivo copriva l’intera lunghezza della spina dorsale, aveva la forma di una fiamma invertita, ed era lungo 10 mm per 2 di larghezza . “

Un altro da Perugia:

“Ciò che è supremamente meraviglioso e terribile, ogni anno, il Venerdì Santo, nell’ora della passione, è che la spina diventa verde, il Sangue rinasce

E da uno all’altro appaiono piccoli fiori d’oro, bianchi, blu e verdi, con alcuni bagliori che appaiono e scompaiono, come se il prezioso Sangue bollisse.

E come se la spina non si fosse asciugata migliaia di anni fa, ma come se fosse stata tagliata lo stesso giorno da un biancospino vivo e lussureggiante. “

E c’è un’altra storia di una delle spine che si trova ad Andria, a Bari, ha avuto uno dei fenomeni più evidenziati e confermati dagli scribi. 

Per citarne uno, nel pomeriggio del 1 ° novembre 1837 la spina si fece rossore di sangue vivo, e più prodigioso fu il fatto che il fenomeno durò circa un mese. Ma la storia proveniva da prima.

La prima storia dell’evento prodigioso , delle macchie di sangue coagulate sulla colonna vertebrale, risale al 1633.

I testimoni affermano che:

“La spina sacra è evidentemente arrossata con sangue fresco e con frequenti variazioni di essa”.

Nel diciassettesimo e diciottesimo secolo i miracoli avvenivano nel 1644, 1701, 1712, 1785 e 1796, e sono stati accompagnati da una documentazione sempre più ricca e individualizzata.

Una menzione speciale deve essere fatta di ciò che accadde nel marzo del 1701, quando il miracolo del miracolo avvenne nella cattedrale di Andria .

Mentre il vescovo Andrea Ariani dall’altare maggiore mostrava alla gente la spina in cui il prodigio era stato eseguito poco prima, una donna posseduta, con urla e ululati, spaventando i fedeli, corse verso la sacra spina.

Il vescovo, lasciandolo vicino, ordinò che quel terribile possesso finisse.

E per lo stupore di molti, la povera creatura cadde a terra come un corpo morto, libero dal malvagio.

Nel 1842 si prevedeva che il 25 marzo, come era già tradizione, la spina sacra sanguinasse di nuovo.

Il vescovo Giuseppe Cosenza, giunto di notte, stava per sostituire la reliquia al suo posto, scoraggiato dal miracolo che non aveva avuto luogo.

Quando si avvicinò alla cappella notò che da alcune chiazze di sangue germogliavano piccoli fiori bianchi e argento , come se fossero piccole spine, una manifestazione che durò fino al giorno successivo.

Il vescovo, in segno di gratitudine, organizzò una solenne processione, che ebbe luogo nella festa dell’Ascensione, prendendo la sacra spina per le vie della città.

Nella s. XIX i miracoli furono ripetuti nel 1847, 1853 e 1864.

RELIQUIE DI GESU'

LA CROCE

È difficile ripercorrere con accuratezza il cammino percorso dalla Vera Croce di Gesù – che ora si trova in tutto il globo in una moltitudine di frammenti – dalla sua scoperta da parte di Sant’Elena durante un pellegrinaggio in Terra Santa nel 326. All’epoca del pellegrinaggio, la Chiesa si stava evolvendo rapidamente. I cristiani, dopo un lungo periodo di persecuzioni, potevano praticare liberamente la propria religione e andare alla ricerca delle reliquie. Per ispirazione divina, Elena si unì ai fedeli di Cristo insieme al figlio, l’imperatore romano Costantino I, e a 80 anni andò in cerca della reliquia più ambita: la Croce di Gesù.

Prima scomparsa

Dopo la morte di Gesù gli ebrei, che temevano che i suoi discepoli volessero recuperare le reliquie, si affrettarono a far scomparire qualsiasi oggetto coinvolto nella crocifissione. Sul Golgota, la Croce venne gettata in un buco nel terreno insieme a quelle dei due ladroni crocifissi con Gesù. Arrivando in Terra Santa 300 anni dopo, l’imperatrice finì per ritrovare le tre croci, ma quale delle tre apparteneva al Signore? Per scoprirlo, il vescovo di Gerusalemme ebbe un’idea: fece toccare a una donna afflitta da un male incurabile i pezzi di legno, e questa dopo averne toccato uno guarì immediatamente. Elena non ebbe alcun dubbio: aveva trovato la Croce di Gesù, e quindi ordinò immediatamente che venisse costruita una chiesa sul luogo del ritrovamento, che chiamò chiesa della Resurrezione; poi ripartì per Roma. Secondo la tradizione cristiana, la reliquia venne preservata fino al 614 e visitata da moltissimi cristiani.

Seconda scomparsa

In seguito la Croce scomparve ad opera dei Persiani. La reliquia sarebbe stata la loro “moneta di scambio” in caso di negoziati con l’Impero Romano d’Oriente (i Bizantini). Nel 630, però, l’imperatore bizantino Eraclio riportò una netta vittoria sui Persiani e riportò trionfalmente una parte della Croce a Gerusalemme – l’altra venne lasciata a Constantinopoli –, dove egli stesso la pose sul Calvario. Questo evento è commemorato dalla Chiesa il 14 settembre, festa dell’Esaltazione della Santa Croce o del Trionfo della Croce.

Terza scomparsa

Qualche anno dopo iniziò la conquista araba, e Gerusalemme cadde sotto il dominio musulmano. Fino al X secolo, gli adoratori della Vera Croce continuarono ad esistere senza incontrare grandi problemi. Aumentarono perfino nei territori rimasti cristiani, in particolare a Costantinopoli. Quando sorsero le difficoltà e i cristiani vennero perseguitati, la Croce venne nuovamente nascosta. Novant’anni dopo (nel 1099) riapparve grazie alle Crociate avviate dalla Chiesa per liberare la Terra Santa. Venne reinsediata con onore nella basilica del Santo Sepolcro e divenne il simbolo del Regno Crociato di Gerusalemme.

Quarta scomparsa

Nel 1187, però, la Vera Croce scomparve nuovamente, stavolta in modo definitivo, sul campo di battaglia di Hattin, vicino al lago di Tiberiade, in Galilea. I crociati l’avevano portata con loro per vincere contro il sultano Saladino ma persero la battaglia, e Gerusalemme cadde nelle mani del sultano. La Croce scomparve senza lasciare traccia. La leggenda dice che Papa Urbano III, sentendo la notizia, morì all’istante.

Dispersione

Nel 1203 il frammento conservato a Costantinopoli subì gli effetti della Quarta Crociata, partita dalla Repubblica di Venezia nel tentativo di riconquistare Gerusalemme ma che poi deviò verso Costantinopoli per rovesciare l’Impero bizantino e trovò al suo posto un Impero Romano Orientale. Le reliquie della Cappella Palatina di Pharos vennero divise tra i veneziani e il nuovo impero. Quest’ultimo, minacciato da tutte le parti e sull’orlo della bancarotta, dovette però vendere i suoi tesori. San Luigi, nel 1238, comprò due frammenti della Croce e nel 1242 altre reliquie, considerate gli strumenti della Passione (corona di spine, la Sacra Lancia, la Sacra Spugna…), conservate nella Sainte-Chapelle, costruita a questo scopo sull’Île de la Cité di Parigi. Durante la Rivoluzione Francese (1794), tuttavia, i frammenti della Croce scomparvero. Restano solo qualche frammento e un Sacro Chiodo, oggi conservati nel tesoro della sagrestia della cattedrale di Notre-Dame.

Il Lignum Crucis

 

Tutti i pezzi di legno distribuiti o venduti come reliquie in tutto il mondo nel corso dei secoli (soprattutto dal Medioevo) sono stati conservati in molte chiese. Secondo varie analisi, i presunti “veri” frammenti della Croce di Gesù rappresentano a livello di volume solo un decimo della Croce, mentre tutti gli altri sono stati ritenuti di origine discutibile. Ci riferiamo alle probabili reliquie come al Lignum Crucis (“legno della Croce”). Il frammento più grande è conservato in Grecia, nel monastero del Monte Athos. Altri si trovano a Roma, Bruxelles, Venezia, Gand e Parigi.

IL FATTO DEL GIORNO 🔍

Faceva il rapitore, poi Gesù ha rapito lui: la preghiera fa miracoli

di Monache Benedettine - Aleteia

"Aiutami nel percorso di conversione", così una monaca è stata testimone di una grazia che aveva implorato
La preghiera è una potente arma per convertire le anime a Dio. Sentite questo fatto raccontatomi da una monaca.
A proposito della preghiera, voglio raccontarti un altro episodio che mi riguarda e di cui non ti avevo parlato. Nel 1990 (più o meno) venne rapita una bimba di 8 anni nella zona di ***. Come comunità c’impegnammo intensamente nella preghiera e nel sacrificio quotidiano, contattammo telefonicamente e per iscritto i genitori della bambina che dopo un po’ di tempo venne liberata.
Successivamente, la bambina ci mandò come ringraziamento un foglio disegnato: tanti fiori ed una piccola farfalla – che la rappresentava – libera e felice di vivere e di volare. Io, però, non mollai e ripresi a pregare intensamente per i suoi rapitori perché prendessero coscienza del male perpetrato nei confronti di una minore e si convertissero. Non ci crederai, ma anche a me sembra impossibile ed ancora ho le lacrime agli occhi e la pelle d’oca quando ci penso.

Dopo qualche mese, arrivò dalla casa circondariale di *** una lettera indirizzata a me: “Carissima, sono ***, il rapitore di *** e vengo a te, varcando la clausura, per chiederti di aiutarmi nel cammino di conversione.” Come aveva avuto il mio indirizzo? Per caso e in carcere dove circolavano delle riviste su una delle quali c’era un messaggio pasquale che io scrissi da novizia. Da quel giorno la corrispondenza non è mai cessata e per ben due volte mi ha telefonato dalla Parrocchia in cui attualmente presta servizio nello stato di semi-libertà ottenuto per buona condotta in carcere.
Egli ha finito gli studi teologici per diventare diacono permanente. Caro D., il Signore mi aveva dato una prova, di fronte alla quale avvertii tutta la mia piccolezza, ma nello stesso tempo una gioia incontenibile che conservo e custodisco gelosamente nel cuore.

IL FATTO DEL GIORNO 🔍

Ho 24 anni, sono un monaco millennial e questa è la storia della mia vocazione

di Álvaro Díaz – Aleteia, 22 Febbraio 2019

Sembra impossibile concepire che un giovane millennial possa pensare che la sua vita ha senso ed è felice chiudendosi in un monastero per dedicarsi alla preghiera. La generazione dei millennials è caratterizzata, tra le altre cose, da ritmi accelerati, dal desiderio di volere tante cose, di innovare e di avvalersi delle agevolazioni che offre la tecnologia.
Suona contraddittorio o incompatibile con lo stile di vita monastico. Dedicare l’esistenza a servire Dio è un ideale molto nobile, ma non sarebbe più utile fare più bene con opere di carità? Magari lavorando in qualche organizzazione, o se si è abbracciata la vita religiosa svolgendo un apostolato più attivo? Queste e altre inquietudini possono benissimo sorgere quando ci si immagina monaco nel XXI secolo, ancor di più se si hanno appena 24 anni.

 

Il video che riportiamo è un’intervista realizzata da Arguments che racconta la testimonianza di fra’ Ignacio Esparza, un giovane spagnolo che dopo aver terminato gli studi universitari in Navarra ha scoperto che la via che Dio lo stava invitando a seguire si concretizzava entrando in un monastero benedettino per condurre una vita contemplativa, centrata sulla preghiera.
La risposta a una chiamata
Vale la pena di chiarire che una vocazione autentica è l’esperienza di essere chiamati da Dio per qualcosa di specifico perché avanzando su questo cammino la vita sia piena e felice. Questa esperienza si verifica anche oggi, non molto diversa da quella che hanno avuto gli apostoli o i santi. Possiamo dire che la vocazione viene da Dio. È Lui che invita, che propone senza imporre, rispettando la nostra libertà. Papa Francesco dice che “Dio è quello che viene prima”; “tu lo cerchi, ma Lui ti cerca per primo”.
La vocazione non è necessariamente qualcosa in cui la persona si sente sempre a proprio agio, o la cosa più facile. Non si riduce nemmeno all’aspetto professionale; non è frutto solo dell’iniziativa di ogni persona, ma della risposta a un incontro con Dio, che ricco in misericordia pensa a ciascuno e ci cerca per offrirci il meglio. Per questo possiamo capire che, anche se i tempi presentano dei cambiamenti che sembrano non adattarsi alla vita religiosa, Dio continua a scegliere e a convocare persone per arricchire la vita della Chiesa e diffondere il suo amore nel mondo.
Il frate descrive la sua vocazione come “un processo in cui il protagonista è il Signore, e nella quotidianità il Signore ti chiama. Spesso l’intuizione precede la realtà esplicita”.
Come cambiare il mondo da un monastero?
La mentalità attuale dice che importanza ed efficienza dipendono dai risultati, da ciò che è visibile, da quello che si esprime in frutti abbondanti. Da un punto di vista programmatico e della produttività, l’opzione di una vita di maggior raccoglimento, con più tempo per la preghiera e scarso contatto con il mondo è uno spreco, e chi segue questa via è condannato al fallimento.
Questi criteri a volte offuscano gli ideali di evangelizzazione e di cambiamento del mondo che ha la Chiesa. In questo modo si potrebbe dare più risalto alle spiritualità più attive perché a livello visibile sembra che svolgano un servizio maggiore, mentre quelle contemplative potrebbero vedersi a rischio di estinzione per il fatto di non essere troppo pertinenti a questi tempi in cui abbiamo bisogno di fare sempre tante cose.
Si dimentica allora che l’Opera è di Dio e che ciascuno di noi è uno strumento e un servitore. Richiamo l’incontro di Gesù con Marta e Maria, la prima centrata sull’azione ma senza guardare il Signore, la seconda più in contemplazione al fianco del Signore (Lc 10, 38-42). Pregando o svolgendo attività, se siamo uniti a Dio possiamo sempre dare frutto (parabola della vite e dei tralci, cfr. Gv 15, 5).
Dal punto di vista di questo monaco, il suo apporto al cambiamento del mondo consisterà in “due cose essenzialmente: la preghiera, che ha degli effetti che non possiamo neanche immaginare, e prima ancora il cambiamento di noi stessi. Non si cambia il mondo, ma cose piccole o grandi, che sono quelle che formano il mondo”.
Oserei anche dire che la vita contemplativa può essere molto più pertinente proprio oggi, perché di fronte a tante difficoltà e dolore nel mondo, oltre alle espressioni della mancanza d’amore, è una benedizione che Dio inviti questi fratelli a servire con la preghiera intercedendo per queste situazioni, il che fa sì che teniamo viva la speranza che Dio ci assiste e ci accompagna, perché ascolta sempre le suppliche dei suoi figli.

Dialogare con Dio

Dialogare con Dio

Chiara Amirante

Stazione Termini

Stazione Termini

Amirante Chiara

Pregare è amare

Pregare è amare

Amirante Chiara

Nuovi evangelizzatori

Nuovi evangelizzatori

Amirante Chiara, Banzato Davide

Solo l'amore resta

Solo l'amore resta

Chiara Amirante

Il Regno della Gioia

Il Regno della Gioia

Amirante Chiara

Mistero d'amore

Mistero d'amore

Amirante Chiara

Il sole nell'abisso

Il sole nell'abisso

Chiara Amirante


Medjugorje: messaggio del 25 Marzo 2019

Cari figli! Questo è tempo di grazia. Come la natura si rinnova a vita nuova anche voi siete invitati alla conversione. Decidetevi per Dio. Figlioli, voi siete vuoti e non avete gioia perché non avete Dio. Perciò pregate affinché la preghiera sia per voi vita. Nella natura cercate Dio che vi ha creati perché la natura parla e lotta per la vita e non per la morte. Le guerre regnano nei cuori e nei popoli perché non avete pace e non vedete, figlioli, nel vostro prossimo il fratello. Perciò ritornate a Dio ed alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

**********     O MARIA, CONCEPITA SENZA PECCATO, PREGA PER NOI CHE RICORRIAMO A TE      **********      MARIA, REGINA DELLA PACE, PREGA PER NOI   **********
           

"Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo; so la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso:
Dammi il tuo cuore, amami come sei...
Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all'amore, non amerai mai. Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, se ricadi spesso in quelle colpe che vorresti non commettere più, non ti permetto di non amarmi.
Amami come sei.

In ogni istante e in qualunque situazione tu sia, nel fervore o nell'aridità, nella fedeltà, amami...come sei...voglio l'amore del tuo povero cuore; se aspetti di essere perfetto, non mi amerai mai.
Non potrei forse fare di ogni granello di sabbia un serafino radioso di purezza, di nobiltà e di amore? Non sono io l'Onnipotente? E se mi piace lasciare meravigliosi e preferire il povero amore del tuo cuore, non sono io padrone del mio amore?
Figlio mio, lascia che ti ami, voglio il tuo cuore. Certo, voglio col tempo trasformarti, ma per ora ti amo come sei...e desidero che tu faccia lo stesso; io voglio vedere dai bassifondi della miseria salire l'amore. Amo in te anche la tua debolezza, amo l'amore dei poveri e dei miserabili; voglio che dai cenci salga continuamente un gran grido: Gesù ti amo.
Voglio unicamente il canto del tuo cuore, non ho bisogno nè della tua scienza, nè del tuo talento. Una cosa sola m'importa: di vederti lavorare con amore. Non sono le tue virtù che desidero; se te ne dessi, sei così debole che alimenterebbero il tuo amor proprio; non ti preoccupare di questo. Avrei potuto destinarti a grandi cose; no, sarai il servo inutile; ti prenderò persino il poco che hai...perchè ti ho creato soltanto per l'amore.
Oggi sto alla porta del tuo cuore come un mendicante, io il Re dei Re! Busso e aspetto; affrettati ad aprirmi. Non allargare la tua miseria; se tu conoscessi perfettamente la tua indigenza, moriresti di dolore. Ciò che mi ferirebbe il cuore sarebbe di vederti dubitare di me e mancare di fiducia.
Voglio che tu pensi a me ogni ora del giorno e della notte; voglio che tu faccia anche l'azione più insignificante solo per amore. Conto su di te per darmi gioia... Non ti preoccupare di non possedere virtù; ti darò le mie. Quando dovrai soffrire, ti darò forza. Mi hai dato l'amore, ti darò di saper amare al di là di quanto puoi sognare.
Ma ricordati...amami come sei...
Ti ho dato mia Madre: fa passare, fa passare tutto dal suo Cuore così puro. Qualunque cosa accada, non aspettare di essere santo per abbandonarti all'amore, non mi ameresti
mai..."


Mons. Lebrun

           

 

 

MEDJUGORJE IN DIRETTA

http://62.75.216.148/

dalle 17.00 (no Google Chrome)

 

 

GROTTA LOURDES IN DIRETTA 

 

 

 

FATIMA IN DIRETTA 

Prendi un sorriso, regalalo a chi non l'ha mai avuto.

Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte.

Scopri una sorgente, fa bagnare chi vive nel fango.

Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha mai pianto.

Prendi il coraggio, mettilo nell'animo di chi non sa lottare.

Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla.

Prendi la speranza e vivi nella sua luce.

Prendi la bontà e donala a chi non sa donare.

Scopri l'amore e fallo conoscere al mondo.

Gandhi

VISITA LA CAPPELLA DELLA MEDAGLIA MIRACOLOSA A PARIGI

http://www.chapellenotredamedelamedaillemiraculeuse.com/langues/italiano/cappella-madonna-della-medaglia-miracolosa/

VISITA VIRTUALE DEL  SANTUARIO DI LOURDES

VISITA VIRTUALE DEL SANTUARIO DI MEDJUGORJE

http://www.medjugorje.hr/it/multimedia/passeggiata-virtuale/

VISITA VIRTUALE BASILICA DI  SANT'ANTONIO PADOVA

http://www.dailymotion.com/video/xhc5vv_interno-della-basilica-di-sant-antonio-di-padova_creation


VISITA VIRTUALE BASILICA PAPALE SAN GIOVANNI IN LATERANO

http://www.vatican.va/various/basiliche/san_giovanni/vr_tour/index-it.html

VISITA VIRTUALE MURO DEL PIANTO (Gerusalemme)

http://www.figlidellaluce.it/news/news-radio-pmr/7875-viaggio-virtuale-muro-del-pianto-gerusalemme

VISITA VIRTUALE SANTUARIO S. MICHELE ARC. (Gargano)

http://www.santuariosanmichele.it/grotta-di-san-michele/#1484388690666-682eada0-d90d


ASCOLTA
RADIO MARIA


GUARDA TV2000

Miriam12Stelle


GUARDA PADREPIOTV

Lascia la tua intenzione di preghiera


Santuario di Santa Rita da Cascia
Santuario di Santa Rita da Cascia

http://www.santaritadacascia.org/preghiere/preghiere-intenzioni.php

Chapelle Notre-Dame de la Médaille Miraculeuse - Parigi
Chapelle Notre-Dame de la Médaille Miraculeuse - Parigi

http://www.chapellenotredamedelamedaillemiraculeuse.com/langues/italiano/intenzioni-di-preghiera/

Porziuncola - Assisi
Porziuncola - Assisi

http://www.porziuncola.org/interno.php?id=27


http://www.sanpietrodisorres.net/

 

 

L'ex cattedrale di San Pietro di Sorres è una chiesa della Sardegna in stile romanico. Il tempio, monumento nazionale dal 1894, si trova su un colle di origine vulcanica in territorio del comune di Borutta piccolo centro del Meilogu, in provincia di Sassari.

Edificata tra il XII e il XIII secolo, fu cattedrale della non più esistente diocesi di Sorres fino al 1503. Dal 1950 la chiesa e l'attiguo monastero ospitano una comunità di monaci benedettini.

 
     

ORARI MESSE IN DIRETTA

 

Santuario di Sant'Ignazio da Laconi (Cagliari)

http://www.cappuccini.tv/it/

Tutti i giorni: ore 19.00

 

Santuario Nostra Signora di Bonaria (Cagliari)

http://www.bonaria.eu/category/multimedia/webtv/?diretta=2

Da aprile a settembre:

Feriale: 7.00 – 8.00 – 9.00 -10.00 – 19.00
Prefestivo: 18.30 – 20.00
Festivo: 7.00 – 8.30 – 10 – 11.30 – 18.30 – 20:00

Da ottobre a marzo:

Feriale: 7.00 – 8.00 – 9.00 – 10.00 – 18.00
Prefestivo: 17.30 – 19.00
Festivo: 7.00 – 8.30 – 10.00 – 11.30 – 17.30 – 19.00

 

Parrocchia di San Giorgio in Stazzano (Al)

http://www.diocesitortona.it/testi.php?id_testi=147

Orari:

 

Santa Messa del Sabato: ore 17,00 (presso l'Oratorio della SS. Trinità)

Domenica: S. Messa ore 9 ed ore 11

Lunedì ore 17,30: Adorazione Eucaristica

Dal martedì al venerdì: S. Messa ore 18,00

Parrocchia Gesù Redentore - Riccione Alba

http://www.albamater.it/streaming

 

Prefestiva: ore 18,00
Festive: ore 8.30, 11.00, 18.00 
Feriale: ore 8,30

libreriadelsanto
Radio Padre Matteo Ricci

http://www.figlidellaluce.it/media/radio-padre-matteo-ricci

Motori di ricerca:

Google Custom Search
Create your own banner at mybannermaker.com!
siti internet
In classifica
miriam12stelle.jimdo.com
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Miriam12Stelle